Progetti 17-10-2018
Potenziato il servizio di Raccolta Differenziata degli Oli Vegetali Esausti
“Per Olivia”, Campagna per la Raccolta degli Oli Vegetali Esausti, arriva in città per informare sulle nuove stazioni di raccolta
foto Potenziato il servizio di Raccolta Differenziata degli Oli Vegetali Esausti

In data 17/05/2016 si è tenuta, presso il Municipio di Pescara, la conferenza stampa sul potenziamento del servizio di raccolta differenziata degli oli vegetali esausti.

 

Hanno partecipato alla conferenza l’assessora all'ambiente Paola Marchegiani, il direttore di Attiva SpA Massimo Del Bianco e l’amministratore unico di Adriatica Oli Srl Giorgio Tanoni.

 

 

«In aggiunta ai sette già posizionati dal 2009 in poi - introduce il direttore di Attiva SpA Massimo Del Bianco - abbiamo installato sul territorio comunale altri tredici contenitori gialli Olivia, quelli dedicati alla raccolta differenziata degli oli vegetali esausti da utenza domestica, comunemente detti di frittura».

 

 

Fornitrice dei contenitori e del servizio di svuotamento degli oli è Adriatica Oli, azienda leader nel settore. Con i 13 nuovi contenitori, con i 4 installati nel 2015 e i 3 installati nel 2009, i cittadini di Pescara hanno oggi a disposizione 20 postazioni di Olivia.

 

 

«Dal 2009 al 2015 - spiega Giorgio Tanoni, amministratore di Adriatica Oli - si è passati da un'intercettazione di 3.300 a 13.200 chilogrammi. Il trend in crescita, e la densità demografica della città ci fanno ben sperare sul raggiungimento a breve tempo di risultati importanti».

 

Un passo importante, se si pensa che gli oli di frittura e di conservazione degli alimenti, se dispersi, sono altamente inquinanti per l’ambiente e molto costosi da gestire.

 

«Se versato negli scarichi domestici - specifica Tanoni - l'olio esausto ostruisce le condutture fognarie: da un importante studio redatto nel 2014 in Inghilterra, il più completo e dettagliato oggi disponibile, si evince che il gestore dei servizi idrici spende circa 100 milioni di euro all'anno per la sola pulizia delle reti fognarie ostruite da grassi e oli di varia natura».

 

«Se raggiunge il depuratore - prosegue Tanoni - l'olio innalza in modo sensibile i costi di manutenzione dell'impianto: ogni chilogrammo di olio comporta un aggravio di spesa di 50 centesimi».

 

 

Se raccolto in maniera differenziata, l’olio può invece essere avviato a recupero e trasformato in prodotti molto utili: il biodiesel (un carburante a basso impatto ambientale e non ricavato dal petrolio), distaccanti per edilizia, prodotti per la cosmesi, inchiostri, olio minerale e nuova energia.

 

 

«Si stima - interviene l'assessore Paola Marchegiani - che un solo chilogrammo di olio di frittura disperso in acqua sia in grado di formare una pellicola inquinante grande grosso modo come un campo da calcio. Diventa quasi impossibile immaginare il danno che potrebbero produrre le quasi 300.000 tonnellate all'anno di olio di frittura prodotto. I ristoranti dispongono di un servizio di raccolta autonomo e obbligatorio, ma è davvero importante coinvolgere sempre di più le utenze domestiche, cioè le famiglie».

 

«A Pescara - prosegue Paola Marchegiani - dal 2009 al 2015 la raccolta differenziata degli oli di frittura è passata da 0,06 a 0,24 chilogrammi/anno medi per famiglia. Ci aspettiamo risultati importanti dall'installazione dei nuovi contenitori».

 

 

Per informare i cittadini pescaresi sul posizionamento dei contenitori stradali Olivia, sulle corrette pratiche di gestione degli oli, sono state fissate sei tappe di PER OLIVIA, Campagna di Sensibilizzazione per la Raccolta degli Oli Vegetali Esausti, un tour informativo firmato Adriatica Oli.

 

Nei primi giorni di luglio, prenderà il via il tour del mini-van itinerante OLIver, che toccherà tutti i mercati rionali e che sarà condotto da personale esperto in grado di informare i cittadini utilizzando anche il supporto audio/video installato.

 

I cittadini che raggiungeranno OLIver saranno omaggiati di un flaconcino di Ri-detersivo, un detergente per il bucato ricavato dagli oli di frittura: un esempio concreto su come un potenziale dannoso rifiuto destinato alla fognatura possa, al contrario, diventare qualcosa di profumato e gradevole.

 

OLIver tornerà poi a Pescara in settembre, per fare tappa presso le scuole primarie.

 

 

Per informazioni sui contenitori stradali dislocati a Pescara CLICCA QUI

   

Per visionare invece il sul calendario delle Campagne PER OLIVIA: www.perolivia.it e www.facebook.com/perolivia.

Condividi
  • facebook
  • google plus
  • twitter