La plastica
La plastica

Di plastica, in tutte le sue composizioni chimiche, sono fatti la maggior parte degli imballaggi, a partire dalle bottiglie delle bevande alimentari fino ai flaconi dei detergenti, passando per una infinità di tipologie di contenitori.

Essendo appunto molto usata per gli imballaggi, è uno dei principali componenti dei rifiuti solidi urbani, soprattutto in volume; inoltre, non è biodegradabile e alcune tipologie di plastica contenenti cloro possono produrre diossina quando bruciate. E' dunque fondamentale riciclarla quanto più possibile.

Molti tipi di plastica possono essere facilmente riciclati; è il caso del PET, polietilentereftalato, usato per la produzione delle bottiglie per bevande. Per altri tipi la procedura è più complessa, in quanto il costo di rilavorazione è generalmente superiore al costo di produzione di plastica nuova.

Sarebbe bene che le plastiche venissero separate già in fase di conferimento e raccolta per consentire un più facile riciclo; per questa operazione, infatti, numerosissime materie plastiche presenti sul mercato non possono essere mescolate fra di loro. Tuttavia esistono tuttavia impianti che permettono di separare automaticamente le varie tipologie di plastiche in tempi rapidi e quindi economicamente vantaggiosi, e sono già stati adottati in diversi paesi.

Scarica la tabella di identificazione delle diverse tipologie di plastica - Tabella plastiche

Il consorzio nazionale della raccolta della carta è il COREPLA