Il vetro
Il Vetro

Tra i rifiuti il vetro è quello più conveniente da recuperare e riciclare: rappresenta circa l’8% dei rifiuti. Interamente costituito da sostanze naturali, il vetro ha un’illimitata possibilità di riciclo, essendo uno dei pochi prodotti ad assoluta compatibilità ecologica. In principio massa amorfa omogenea, il composto vetroso assorbe, dopo la lavorazione, notevoli caratteristiche, quali la trasparenza, l’impermeabilità ai liquidi, ai gas, ai vapori e ai microrganismi, la sterilizzabilità e indeteriorabilità nel tempo, la resistenza a tantrissimi i reagenti chimici e la scarsa conducibilità termica ed elettrica. Affinché il vetro raccolto possa essere riciclato in vetreria è necessario sottoporlo a un'operazione di selezione presso un impianto di trattamento specializzato. Dopo il trattamento, il vetro viene trasportato nell'impianto di produzione (vetreria) dove viene fuso e diventa un nuovo contenitore. Finita questa fase, l'imballaggio di vetro viene portato negli impianti di imbottigliamento, rivenduto presso la rete distributiva dei negozi e quindi comprato dai consumatori che danno nuovamente inizio al ciclo di recupero.

La raccolta

La raccolta viene effettuata in diverse modalità, a seconda della zona di riferimento:

  • attraverso i cassonetti stradali blu collocati lungo le strade;
  • attraverso i bidoni carrellati blu collocati nelle isole ecologiche poste nelle zone in cui si effettua la raccolta di prossimità o porta-a-porta.

Al loro interno si possono gettare bottiglie, barattoli e vasetti in vetro e bicchieri rotti. Non inserire lastre e contenitori di grosse dimensioni che potranno invece essere portate all'ecocentro comunale.

Importante

Non introdurre nei cassonetti altri materiali fragili ma diversi dal vetro come le ceramiche, le porcellane e le terrecotte.

Il consorzio nazionale della raccolta del vetro è il COREVE